Viktor Hertz: quando la musica è anche da vedere

copia

“La verità è che la vera musica non è mai difficile” era solito dire Claude Debussy, uno che di musica, un po’ se ne intendeva. Deve pensarla così anche Viktor Hertz, graphic designer svedese, amico di MEMO da lunga data (di lui, in questi anni abbiamo pubblicato tutti i lavori) che proprio alla “non difficoltà” della musica ha deciso di dedicare il suo ultimo progetto: i Pictogram Music Posters, una serie di poster che raffigurano attraverso l’uso di icone liberamente interpretate e rimaneggiate, i titoli di alcune canzoni famose.

A dire la verità non si tratta proprio di un progetto “originale”. I suoi primi manifesti musicali risalgono al 2011, quest’anno Viktor ha deciso di ampliarli come dice lui “per migliorarne lo stile e portare il mio lavoro ad un nuovo livello. Una sfida ad essere sempre più creativo”. Per questo, ha deciso di finanziarsi attraverso una campagna di crowdfunding su Kickstarter.

Per quanto riguarda noi, sfida vinta, Viktor: sei riuscito ancora una volta a sorprenderci.
Si tratta di 15 nuovi titoli che vanno da “Give life back to music” dei Daft Punk a “Toxic” di Britney Spears, passando per “Candle in the wind” di Elton John, “Piano Man” di Billy Joel e “Diamond Dogs” di David Bowie. Basta, non ve ne sveleremo più. Vi sciuperemo altrimenti tutto il divertimento nell’associare la canzone all’immagine. E per coloro che volessero ascoltare la compilation e non solo vederla, ecco qui la playlist che Hertz ha creato su Spotify. Buona visione e buon ascolto a tutti.