Andrea Camilleri «compie» cento libri

capo filo

Esce oggi la nuova avventura del commissario Montalbano dal titolo L’altro capo del filo (Sellerio), il centesimo libro scritto da Andrea Camilleri. L’occasione giusta per festeggiarlo e per rileggere quelli che secondo noi di MEMO sono i suoi cinque romanzi più belli. Buona lettura e perdonateci se ne abbiamo scelti solo cinque.

Un filo di fumo
Era il 1980 quando la Garzanti mandò i libreria il primo romanzo di successo scritto dal non più giovanissimo autore quasi esordiente Andrea Camilleri classe 1925. Ambientato, come direbbero Bellocchio e Leccamuffo, a cavallo tra Ottocento e Novecento, racconta la storia di Totò detto “Barbabianca” che per mestiere commercia in zolfo. La storia ti prede per mano e ti accompagna sino alla fine. Siamo a Vigata, il paese immaginario più reale della storia della letteratura italiana. Diabolico.

La forma dell’acqua
Il Commissario Salvo Montalbano arriva nelle nostre vite nel 1994. “La forma dell’acqua” è il primo romanzo della serie edito ovviamente da Sellerio. Pino Catalano e Saro Montaperto, due geometri che per necessità fanno il lavoro di munnizzari in una zona malfamata, la mànnara, consueto luogo di ritrovo di prostitute, trovano all’interno di un’automobile il cadavere di un uomo, un importante politico locale. La storia la conoscete tutti. Conosciamo così un amico di famiglia che non assomiglia per niente a Zingaretti.

Gli arancini di Montalbano
“Gesù, gli arancini di Adelina! Li aveva assaggiati solo una volta: un ricordo che sicuramente gli era trasùto nel Dna, nel patrimonio genetico. Adelina ci metteva due jornate sane sane a pripararli. Ne sapeva, a memoria, la ricetta”. La prima raccolta di racconti brevi avente come protagonista il Commissario Salvo Montalbano, pubblicata nel 1999 da Mondadori. C’è tutto il suo universo e alzi la mano chi non ha provato a fare gli arancini di Adelina.

La scomparsa di Patò
Pubblicato da Mondadori nel 2000 e ambientato sempre nella Vigata di fine Ottocento, racconta della misteriosa scomparsa, durante la sacra rappresentazione del Venerdì Santo, del ragionier Antonio Patò, uomo integerrimo ed amorevole padre di famiglia. Stiamo subito dalla parte di chi sparisce. Esilarante.

Donne
Pubblicato da Rizzoli nel 2014, è un’antologia che raccoglie 39 ritratti di donna, scelti tra quelle che hanno avuto un’importanza particolare nella vita dello scrittore. Da Beatrice a Giovanna d’Arco a Nefertiti, senza dimenticare l’amata nonna ed Elvira Sellerio. Uno degli omaggi più belli e sentiti all’universo femminile